UN GEOLOGO INDAGA
(LE ANALISI DEL Dr. D. LAING)

Sorgente: www.edicolaweb.net

La teoria proposta da Sanders, ricercatore biblico e scrittore, potrebbe essere esaustiva per riuscire a spiegare questo mistero. Sanders ritiene che i cinque insediamenti possano rappresentare la nuova sede scelta da una popolazione superstite di cinque citta' precedentemente distrutte e posizionatesi nelle vicinanze del Mar Morto.
Queste citta' sarebbero state distrutte da una catastrofe, basandosi anche sul fatto che i cimiteri rinvenuti sono precedenti alla costruzione dei siti. Sanders ha denominato questi siti "le citta' specchio della piana".
Gli archeologi Rast e Schaub suggeriscono che queste cinque citta' potrebbero essere le mitiche citta' della pianura, ma questa teoria evocherebbe piu' domande che risposte. Deve essere notato, per esempio, che la maggior parte dei corpi rinvenuti sono stati datati a 1.800 anni prima che il sito fosse definitivamente distrutto, secondo la storia convenzionale.
Di chi erano dunque tali corpi? Ci sono altri siti che potrebbero aiutare gli studiosi a capire cosa si celi dietro questo mistero? Il periodo sarebbe quello dell'Esodo, verso la fine dell'Eta' del Bronzo, e la distruzione finale di questi siti archeologici coinciderebbe con una catastrofe occorsa nel periodo della migrazioni di massa.
I vasti cimiteri rinvenuti sarebbero stati, quindi, creati 1.800 anni prima come probabile risultato del massacro che ebbe luogo al tempo della distruzione di Sodoma e Gomorra e come propostoci nella Bibbia.
Questi nuovi scenari venuti alla luce coinvolgerebbero quindi i sopravvissuti di questo olocausto, che dopo aver seppellito i propri morti si sarebbero diretti verso zone in cui era presente acqua fresca. Coloro che morirono sarebbero stati sepolti in fosse comuni prima che fosse costruito un insediamento a Bab edh Dhra e a Safi.
Gradatamente passò poi anche il pericolo e ritornò la normalita'. I sopravvissuti si riunirono in gruppi e cercarono di ricreare le citta' originali.
Gli abitanti di Sodoma sopravvissuti si ricompattarono e, insieme, formarono una nuova popolazione, altrettanto fecero i sopravvissuti di Gomorra, Admah, Zeboim e Bela. Fortunatamente esisteva un complesso di "wadi" nelle vicinanze che permise ad ogni gruppo di essere rifornito di acqua fresca, a monte di ciascuno dei vari "wadi".
Questi siti archeologici rinvenuti dalla moderna archeologia sono, infatti, lo "specchio" delle citta' della piana. Mentre Mr. Sanders elabora una cronologia revisionista dei fatti, lui ha gia' di fatto stabilito una teoria credibile sulla costruzione di queste citta', su quello che può essere successo, considerando il fatto che le citta' stesse erano costruite su un sistema di "rift" attivi e basandosi sulla descrizione biblica di territori differenti. (Genesi 13:10).
Probabilmente tutte e cinque le citta' erano dislocate nella valle (Genesi 14:3). Una teoria, recentemente proposta, potrebbe dimostrarsi quanto mai possibile e probabile. Se i movimenti della crosta terrestre, causati da spostamenti ed elevazioni, avessero causato reazioni devastanti con espulsioni esplosive di pece, questi potrebbero aver originato la pioggia di fuoco rappresentata in Genesi 19: 24-25: "Ed ecco che il Signore fece piovere dal cielo sopra Sodoma e sopra Gomorra zolfo e fuoco provenienti dal Signore. Egli distrusse queste citta' e tutta la valle con tutti gli abitanti delle citta' e la vegetazione del suolo".
Mentre, da una parte, la descrizione assomiglia ai risultati di una eruzione vulcanica, in base a quanto abbiamo rinvenuto durante le nostre ricerche possiamo affermare che la constatazione che l'area da noi presa in oggetto si stata sottoposta a questo tipo di scenario sembra essere altrettanto valida.
Se Sanders ha ragione quando parla della sua teoria sulle "citta' specchio", la distruzione delle citta' originali di Sodoma e Gomorra potrebbe essere avvenuta tra il 3.200 ed il 2.800 a.C. (secondo la cronologia convenzionale) e quanto emerso dipenderebbe dall'accuratezza delle ricerche e delle scoperte. Un esame approfondito delle immagini radar, create attraverso un software speciale accoppiato con una emittente di microonde a bordo dello Space Shuttle, ha prodotto materiale molto interessante per i nostri studi. La caratteristica principale di questo tipo di immagini e' quella di riuscire a penetrare attraverso il terreno e l'acqua per ottenere immagini dettagliate di eventuali artefatti presenti. Anche se le immagini coprono solo una porzione del Mar Morto, queste mostrano chiaramente sia dei canali sottomarini appartenenti al Giordano, nella sua parte piu' estrema, sia zone di "rift" lungo la linea costiera piu' ad est. In aggiunta a questi dati sono state rilevate altre caratteristiche distintive nella fascia costiera ad est del Giordano. Attraverso delle semplici elaborazioni al computer, che non alterano l'integrita' dell'immagine, abbiamo potuto ingrandire queste immagini e delineare con sorpresa strutture chiaramente simmetriche. Potrebbero essere queste le citta' sommerse ipotizzate da Sanders. Se fossimo in presenza di formazioni naturali sarebbe inusuale rinvenire, come e' stato fatto, angoli retti e simmetrie rettangolari. Ruotando l'immagine originale del satellite e sovrapponendola alla mappa a mosaico di Madaba, sono fin troppo chiaramente evidenti le similitudini tra le due. E' altrettanto plausibile, in mancanza di evidenze del contrario e secondo altre foto satellitari, che il Mar Morto, prima del 3.200 a.C., si estendesse piu' a sud, e che il movimento lungo il "rift" nelle vicinanze del Mar Morto abbia portato ad un cataclisma devastante che avrebbe distrutto le citta' descritte da Sanders.
I sopravvissuti potrebbero essersi spostati in posizioni diverse, nelle vicinanze di "wadi", dove avrebbero ristabilito i loro commerci con Ebla, come registrato nelle tavolette di questa citta' datate al 2.500 a.C.
Possibili prove a sostegno di questa teoria potrebbero essere rinvenute nelle zone che sono state acquisite da ditte petrolifere e minerarie nel nord del Mar Morto. Le consuete variazioni stagionali e i depositi sedimentari, strettamente collegati ai normali processi di deposizione, potrebbero aver registrato questi significativi cambiamenti nei propri strati. Esami dettagliati di questi strati potrebbero allora rivelare i continui depositi annuali, da circa il 3.200 a.C., di sedimenti terrosi. Questi potrebbero cosi' comprovare le teorie che vedono in queste zone, e nei manufatti di presunta origine artificiale rinvenuti sott'acqua, la prova della passata presenza delle citta' di Sodoma e Gomorra.


IL SATELLITE E LE VERIFICHE

In quest'ultimo periodo ci stiamo muovendo in maniera diversa da come abbiamo fatto fino ad oggi nella ricerca di queste due citta' scomparse.
Uno dei nostri ricercatori migliori e' il dottor D. Laing, geologo con backgroud in sismologia, gravitometria, geomorfismo, evaporazioni strutturali e studi sui sedimenti. Laing ha ampliato la mia teoria sul sito "specchio" di cinque citta' della piana oggetto dei nostri studi e crede di poter utilizzare la sua esperienza nel geomorfismo ed in geologia strutturale per convalidare la nostra teoria.
Ho incoraggiato questo studioso su questa strada e cosi' abbiamo iniziato a discutere sull'utilizzo di immagini satellitari per le ricerche archeologiche. Ci ripromettemmo altresi' di vedere se fosse stato possibile utilizzare tale tecnica anche nel nostro caso, e cosi' pure in rapporto al sito che credevamo contenere il tesoro perduto del Tempio di Salomone (altra ricerca che Michael Sanders conduce insieme al suo team di ricercatori, n.d.t.). Dopo qualche tempo Laing riusci' ad ottenere una serie di immagini dell'area del Mar Morto da noi studiata. Ad un esame visivo piu' attento, trovammo almeno tre anomalie sottomarine, due delle quali sembravano molto interessanti e di probabile origine umana.
Nello stesso tempo ci rivolgemmo a tutti i ricercatori del nostro team chiedendo loro di verificare i risultati delle nostre osservazioni attraverso le immagini satellitari. Tutti poterono concordare su una possibile origine artificiale di tali strutture. E' possibile che si possa trattare di strutture naturali oltre che di piu' recenti creazioni umane, ma dobbiamo ricordare che le testimonianze bibliche asseriscono che cinque citta' vennero distrutte nell'area dove sono state trovate queste anomalie.
Ne "La Guerra Giudaica" di Giuseppe Flavio (4.8.4), si afferma che la zona di Sodoma e Gomorra "venne consumata da fulmini, e difatti le vestigia del fuoco divino e le vaghe tracce delle cinque citta' sono ancora visibili". La Bibbia ci racconta che le citta' di Sodoma e Gomorra sarebbero state dislocate in vicinanza di altre tre citta' nella valle di Siddom, o area del Mar Morto.
In Genesi, Capitolo 14:1-3 leggiamo: "Al tempo di Amrafel re di Sennaar, di Arioch re di Ellasar, di Chedorlaomer re dell'Elam e di Tideal re di Goim, costoro mossero guerra contro Bera re di Sodom, Birsa re di Gomorra, Sinab re di Adma, Semeber re di Zeboim, e contro il re di Bela, cioe' Zoar. Tutti questi si concentrarono nella valle di Siddimi (o Siddom) , cioe' il Mar Morto."
In un articolo del Settembre/Ottobre 1979 intitolato "Sono state ritrovate Sodoma e Gomorra?", apparso nella nota rivista "Biblical Archaeology Rewiev", l'autore descrive un sito archeologico localizzato su una sponda della penisola del Lisan, che si estende nel Mar Morto. Tale sito consiste in una torre ed un cimitero che contengono le spoglie di 500.000 persone, come stimato dall'archeologo P.W. Lapp, che compi' degli scavi tra il 1965 ed il 1967.


Nel periodo tra il 1973, fino al 1979, quattro siti ulteriori vennero ritrovati dagli archeologi Walter Rast e Thomas Schaub. I due credettero di trovarsi davanti ai resti delle quattro citta' citate in Genesi 14:2.
I cinque siti partono da Bab edh Dhra, a nord, e includono, nella zona sud, Numeira, Safi, Feifa, e Khanazir.
Tutti e cinque i siti sono dislocati ai margini di un piccolo "wadi" (fiume) e sono stati datati all'eta' del bronzo. Uno di questi siti, Safi, e' stato identificato nella mappa a mosaico di Madaba (una mappa a mosaico rinvenuta in una chiesa bizantina a circa 80 chilometri di distanza e datata al VI secolo a.C.), come anche la citta' di Zoar.
Altri due cimiteri di uguale grandezza, uno a Bab edh Dhra, e altri due a Feifa e Safi, hanno permesso ai ricercatori di calcolare un totale di oltre un milione e mezzo di resti umani ("Biblical Archaeological Review", Volume 6, n.5).
Il fattore inusuale per questi siti e' che i loro cimiteri (risalenti al 3.200 a.C. circa) esistevano anche prima della fondazione delle stesse citta'. La zona e' estremamente arida e ai giorni odierni, anche con l'impiego di avanzate tecnologie agricole, non e' possibile che ad un esiguo numero di persone di vivere miseramente "in loco" dei prodotti della terra.
La Bibbia ci dice che prima della distruzione di Sodoma e Gomorra il clima poteva essere radicalmente differente, a causa di una diversa configurazione del Mar Morto.
In Genesi 13:10 leggiamo: "Allora Lot alzò gli occhi e vide che tutta la valle del Giordano era un luogo irrigato da ogni parte - ciò prima che il Signore distruggesse Sodoma e Gomorra; era come il Giardino del Signore, come il paese d'Egitto, fino ai pressi di Zoar."
Il sito identificato come Numeira venne distrutto dal fuoco verso la fine dell'Eta' del Bronzo.
Studi successivi hanno assodato che le altre quattro citta' vennero distrutte in maniera simile, con conseguenti conflitti causati da invasori stranieri. Questo potrebbe permettere di stabilire un periodo in cui le cinque citta' sarebbero state abitate, periodo che e' fatto risalire approssimativamente tra il 3.200 a.C. e il 2.350 - 2.200 a.C. La maggior parte delle sepolture rinvenute e' stata fatta risalire dai ricercatori a questo periodo e le morti non sembrano essere correlate ad altre distruzioni.
Ma quale potrebbe essere la storia e l'origine di queste popolazioni?


  All Artworks Copyright ©1990 - 2014 by Alessandro Bavari - All Rights Reserved - Use By Permission Only / Entire Web Site  
  www.alessandrobavari.com ©Copyright 2014 by Alessandro Bavari / Credits / Privacy Policy