IL DRAGO DI GIORGIO

a cura di Viviana Siviero & Alberto Zanchetta

LAB 610 XL, Sovramonte - Servo (BL)

inaugurazione 20 luglio 2008 ore 15:30

Arcangelo, Karin Andersen, Elena Arzuffi, Sergia Avveduti, Alessandra Baldoni, Alessandro Bavari, Matteo Bergamasco, Zaelia Bishop, Lorenzo Bonechi, Corrado Bonomi, Dino Buzzati, Arianna Carossa, Mauro Ceolin, Sandro Chia, Umberto Chiodi, Oscar Colombo, Luca Coser, Vanny Cuoghi, Arnold Mario Dall’O, Francesco De Grandi, Alessandro Di Giugno, Diego Dutto, Ulrich Egger, Marco Fantini, Pierluigi Febbraio, Paolo Fiorentino, Daniele Giunta, Giuliano Guatta, Jan Knap, Giovanni Manfredini, Aldo Mondino, Gianmarco Montesano, Nero, Gionata Gesi-Ozmo, Pastorello, Serena Piccinini, Alex Pinna, Beatrice Pucci, Odilon Redon, Stefania Romano, Salvo, Devis Venturelli

Special section: Carlo Ambrosini, Stefano Arienti, Franco Busatta, Magdy El Shafee, Alberto Gennari, Eugenia Monti

 

COMUNICATO STAMPA

La riapertura di una chiesetta affrescata con l’epopea del San Giorgio nel limitrofo comune di Sorriva, offre a questa mostra l’occasione per analizzare le numerose trasformazioni cui è stato sottoposto il drago lungo tutta la storia dell’arte e della letteratura. L’attenzione non sarà infatti posta sulle gesta del martire cristiano, bensì sul suo deuteragonista (si noti infatti come nel titolo i soggetti siano stati invertiti tra loro e defraudino dell’onorificenza di “santo” lo stesso Giorgio): mostro ma anche meraviglia, creatura di fantasia che è anzitutto una metafora del male e del peccato.
Da Vitale da Bologna a Donatello, da Pisanello a Paolo Uccello, da Cosmé Tura a Mantegna, da Carpaccio a Raffaello, da Vasari a Tintoretto (per citare solo i più noti), la storia dell'arte è disseminata di epiche colluttazioni tra santi e basilischi, ma l'arte contemporanea non è meno feconda di scontri tra eroi e mostri; non per nulla l’esposizione intende rintracciare e approfondire il discorso intorno a quelle citazioni/rifacimenti in cui viene rivisitata l’iconografia sacra, spesso e volentieri confluita nel mito ove si con-fonde con l’Idra di Lerna e il serpente di Midgard, fino ai più “profani” e “commerciali” loghi della Alleanza Assicurazioni e del cane-drago a sei zampe dell'Agip. Nelle prima sezione, curata da Alberto Zanchetta, saranno analizzati gli ultimi vent'anni dell'arte italiana, compiendo uno studio iconologico attraverso i d’après di alcuni tra gli artisti più significativi, così come nelle libere quanto originali interpretazioni di coloro che hanno preso in esame il soggetto. Le opere saranno inoltre fatte dialogare con un'icona russa della prima metà del XIX secolo, con una piccola selezione di stampe e libri antichi (tra cui la prima edizione de “L'uccisione del Drago” di Dino Buzzati), cartoline ed oggetti effigianti il tema.
Alla rilettura della legenda aurea, di cui sono protagonisti il Drago e Giorgio, si passa quindi a un approfondimento sulla figura del “monstrum” che, resistendo al tempo e alla memoria, si “mostra” qui in una continua evoluzione del proprio ruolo e del proprio significato. La seconda sezione, curata da Viviana Siviero, si snoda attraverso una genealogia di creature - da Satana fino al Principe della Notte, passando per serpenti, coccodrilli e chimere - che analogamente alla figura del Drago appartengono alla mitologia e al genere del fantastico, ma che si riferiscono anche alla sua essenza e ai suoi significati metaforici, alle riflessioni sull’identità e al vissuto contemporaneo. Il coinvolgimento di opere moderne o storicizzate, poste in sinergia con le nuove generazioni, permette una mappatura geografica del mondo fantastico, capace di assumere fisionomie e significati assai eterogenei.
In una sezione speciale della mostra verranno inoltre esposte alcune tavole originali tratte da fumetti, graphic novel ed elaborazioni grafiche di alcune serie introvabili degli anni ‘60 che si richiamano al tema sia per i contenuti, sia per una vicinanza formale. Di particolare pregio un gruppo di tavole originali tratte dalla graphic novel Metro, la prima mai pubblicata in lingua araba, disegnata da Magdy El Shafee, opera che la polizia ha ritirato dal mercato in virtù dei contenuti fortemente critici che denunciano il diffuso clima di corruzione del governo egiziano. Infine, una storia appositamente realizzata da Eugenia Monti, talento emergente nel panorama del fumetto nostrano, che si è lasciata ispirare dal genius loci per realizzare la sua opera ispirata alle tradizioni e alla realtà bellunese…
A completare l’esperienza, Oscar Colombo ha condotto nel mese di marzo un workshop sul territorio assieme ai bambini e agli studenti delle scuole di Sorriva, realizzando un’opera a più mani composta da una serie di tavole pittoriche che illustrano la leggenda di “San Giorgio e il Drago” e i suoi possibili esiti.

Nel corso della mostra si svolgeranno anche degli appuntamenti, fra cui una conferenza dello scrittore Pietrangelo Buttafuoco, autore del romanzo “Le uova del Drago” (ed. Mondadori).

Disponibile un catalogo con una ricca disamina delle opere e saggi introduttivi di Viviana Siviero e Alberto Zanchetta.

 

Prima sezione a cura di Alberto Zanchetta con opere di: Arcangelo, Karin Andersen, Sergia Avveduti, Lorenzo Bonechi, Dino Buzzati, Mauro Ceolin, Umberto Chiodi, Luca Coser, Vanny Cuoghi, Arnold Mario Dall’O, Marco Fantini, Paolo Fiorentino, Daniele Giunta, Giuliano Guatta, Jan Knap, Giovanni Manfredini, Gianmarco Montesano, Gionata Gesi-Ozmo, Pastorello, Alex Pinna, Salvo

Seconda sezione a cura di Viviana Siviero con opere di: Elena Arzuffi, Alessandra Baldoni, Alessandro Bavari, Matteo Bergamasco, Zaelia Bishop, Corrado Bonomi, Arianna Carossa, Sandro Chia, Oscar Colombo, Francesco De Grandi, Alessandro Di Giugno, Diego Dutto, Ulrich Egger, Pierluigi Febbraio, Aldo Mondino, Nero, Serena Piccinini, Beatrice Pucci, Odilon Redon, Stefania Romano, Devis Venturelli

Special section a cura di Viviana Siviero: Carlo Ambrosini, Stefano Arienti, Franco Busatta, Magdy El Shafee, Alberto Gennari, Eugenia Monti

dal 20 luglio al 7 settembre 2008
dal martedì a domenica dalle 15.00 alle 20.00

per informazioni:
de faveri arte - Lab 610 XL
tel. 335 8035597

catalogo in mostra

Archivio Articoli

    Collezioni Permanenti

  • 08/1996: (Pittura) Palazzo della Cultura, Museo d'Arte Moderna, Latina

  All Artworks Copyright ©1990 - 2014 by Alessandro Bavari - All Rights Reserved - Use By Permission Only / Entire Web Site  
  www.alessandrobavari.com ©Copyright 2014 by Alessandro Bavari / Credits / Privacy Policy